Lo Spirito di Dio (II): Dare del tu – sincerità – pari dignità di tutti

Ha il suo senso profondo che la Pentecoste venga celebrata come la data di fondazione della Chiesa: questa festa dello Spirito Santo rappresenta il passaggio dalla paura alla fede, dalla tristezza, dall’impotenza e dal dolore al coraggio della speranza. Ma cosa ha a che fare la fede di quel tempo con le nostre esperienze di oggi?

Traduzione dal tedesco: Italo L. Cherubini

I discepoli e le discepole che erano spaventati e scoraggiati per la morte di Gesù e forse avevano perso la fede nella presenza di Dio, grazie allo Spirito Santo, diventano uomini e donne liberi e convinti credenti. In modo completamente nuovo hanno riconosciuto e interpretato l’opera di Dio nella storia umana e nel suo popolo ebraico – e ne hanno parlato a tutti: della straordinaria creazione, della liberazione da ogni oppressione, della presenza di Dio anche nella sofferenza. Hanno raccontato come hanno riconosciuto la presenza di Dio in Gesù di Nazareth e così sono giunti a credere che lui fosse il Messia, il Figlio di Dio. Hanno raccontato della loro esperienza che la morte non ha l’ultima parola e della loro speranza per la resurrezione.

Lo Spirito di Dio permette ai discepoli e alle discepole di parlare nuove lingue: «lingue straniere», che tutti potevano capire. Con questo potevano superare le barriere culturali e linguistiche e hanno trovato un’accoglienza diversa al loro messaggio (cfr. Atti degli Apostoli 2).

Ma cosa ha a che fare la fede nello Spirito Santo con la nostra vita di oggi? Come possiamo confrontare le esperienze di oggi con i racconti biblici sullo Spirito di Dio? In un altro articolo ho descritto come lo Spirito di Dio possa anche essere vissuto e interpretato oggi come fonte vitale, forza per resistere e fonte d’energia.1 Ora mi appresto ad una ulteriore ricerca di esperienze quotidiane della forza vitale dello Spirito divino.

Dare del tu

Le esperienze di oggi

Al tavolo dei clienti abituali siedono quattro uomini che giocano a carte. Si discute animatamente e non solo riguardo alle carte giocate. Tre di loro cominciano a raccontare delle persone con le quali si danno del tu: il primo con il sindaco, il secondo con il direttore, e il terzo con il parroco. Naturalmente, uno ha già dato la mano a un vescovo e l’altro a un consigliere federale. – Poi improvvisamente il quarto uomo, che fino ad allora era stato tranquillo, dice: «Sai qual è la cosa più sorprendente? Io posso dare del tu a chi ha creato tutte queste persone».

L’apostolo Paolo scrive nella sua lettera alla comunità di Roma:

15 «E voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi per ricadere nella paura, ma avete ricevuto uno spirito da figli adottivi per mezzo del quale gridiamo: “Abbà, Padre!”.
16 Lo Spirito stesso attesta al nostro spirito che siamo figli di Dio» (Lettera ai Romani 8,15-16).

Questa è stata la grande rivoluzione socio-religiosa del cristianesimo: ogni essere umano, sia schiavo che libero cittadino, sia uomo che donna, può diventare figlio di Dio attraverso la fede in Gesù Cristo (cfr. Lettera ai Galati 3, 26-28).

In precedenza, erano stati i faraoni in Egitto, i re greci e gli imperatori romani che pensavano di essere figli di Dio: in Egitto, almeno dal 2500 a.C., ai faraoni piaceva essere chiamati figlio di Ra, cioè il figlio del dio sole, considerato il creatore e sostenitore del mondo. In epoca romana, quella in cui visse Gesù, un’iscrizione di Efeso del 48 a.C. lodava Giulio Cesare come «Dio apparso visibilmente e salvatore della vita umana». Il compleanno dell’imperatore Augusto è celebrato nell’iscrizione di Priene dell’anno 9 a.C. con le seguenti parole: «Con il giorno genetliaco del dio [= imperatore] inizia per il mondo il buon annuncio a lui collegato».2

In questo contesto è giusto capire che cosa significa che i discepoli e le discepole di Gesù Cristo abbiano riconosciuto come Figlio di Dio qualcun altro. Chi, per la sequela di Gesù, si è fatto battezzare nel «nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo», è stato accolto in questa intima comunione con Dio: essere figlio o figlia di Dio. Il battesimo e la cresima sono segni di questa dignità regale e divina fino ad oggi.

Riconciliazione

Le esperienze di oggi

Una donna, in lacrime, mi chiede di pregare con lei. Sua madre sta morendo. Una madre che non aveva mai potuto dimostrare di amare sua figlia: non aveva mai abbracciato sua figlia da bambina, non l’aveva mai accarezzata, non l’aveva mai baciata. E così è rimasto. La figlia ne ha sofferto per tutta la vita, in molti aspetti ha perso la sua vita e non ha mai avuto una relazione felice.

E ora è il momento di dire addio alla madre morente, di cercare di liberarsi dall’amarezza e dallo stress, di capire perché la madre non era stata in grado di mostrare amore a sua figlia: il padre si era tolto la vita durante la gravidanza – per vergogna e disperazione sia religiosa che sociale perché il figlio atteso era un figlio illegittimo.

Quanta colpa hanno le Chiese in questa situazione?

In una conversazione con la madre morente, la figlia fa riferimento ad una ferita che ha dovuto sopportare per tutta la vita, esprime il suo dolore, la sua rabbia – e finalmente può concedere il perdono a sua madre. E per la prima volta in vita sua un gesto di tenerezza diventa possibile.

Come ricordato sopra, è lo Spirito Santo che ci fa dire a Dio «Abba, Padre» – o anche «Madre» – e ci insegna con questo a pregare (Romani 8,15.26). Nel Padre Nostro, la preghiera centrale che unisce tutti i cristiani, diciamo:

«Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori» (Vangelo di Matteo 6,12).

Se ci è stata fatta una grave ingiustizia, probabilmente ci sembra impossibile perdonare. Qui siamo particolarmente dipendenti dall’opera di riconciliazione dello Spirito di Dio. Nel Vangelo di Matteo, il perdono è formulato come una pretesa. Probabilmente, nel caso di un’ingiustizia subita, aiuterebbe di più l’incoraggiamento e il sostegno: proprio come Dio mi perdona sempre, così io voglio perdonare sempre di nuovo gli altri. La Lettera agli Efesini lo formula di conseguenza:

«Perdonatevi gli uni gli altri come Dio vi perdona in Cristo» (Lettera agli Efesini 4,32).

Naturalmente non intendo «riconciliazione a buon mercato», nessun perdono che sia segno di abbassarsi o di falsa modestia. L’ingiustizia deve essere affrontata e superata, i reati –come la violenza sessuale – devono essere prevenuti e, se possibile, portati in tribunale. I criminali devono essere ritenuti responsabili, puniti e curati dalla giurisdizione statale. Eppure, la capacità di perdonare è immensamente importante anche per chi ha subito un’ingiustizia: a lungo termine, l’odio e i pensieri di vendetta danneggiano la salute mentale e psicologica di una persona. Nel caso di un’ingiustizia vissuta, è vitale, per poter sopravvivere, liberarsi da questi sentimenti di odio e vendetta.

Verità – Sincerità

Le esperienze di oggi

All’inizio del 1999 mi trovavo con un gruppo a Damasco. Lì veniamo a sapere che il nunzio apostolico in Siria, l’arcivescovo Pier Giacomo De Nicolò, sarebbe stato trasferito in Svizzera. Lo chiamiamo spontaneamente per congratularci con lui e veniamo così invitati per una visita. Durante il colloquio, il vescovo De Nicolò ci racconta della situazione della Chiesa cattolica romana in Siria e ci fa notare, senza che noi glielo avessimo chiesto, che «i sacerdoti nelle campagne hanno moglie e figli».

Il quarto figlio di mia sorella è stato battezzato qui in Svizzera da un sacerdote africano. Durante l’incontro per la preparazione al Battesimo, il sacerdote prende il bambino in braccio, comincia a piangere e dice: «Oh, mi piacerebbe tanto tornare a casa. Come sacerdote lì, potrei avere anche una moglie e dei figli».

Numerosi collaboratori di organizzazioni umanitarie e religiosi che lavorano e vivono in determinati paesi mi raccontano che questi esempi non sono casi isolati.

Nel Vangelo di Giovanni, lo Spirito di Dio è ripetutamente chiamato «Spirito di verità», che «conduce alla verità tutta intera» (Vangelo di Giovanni 14,15-18; 16,7-15). Ma questa verità ci renderà liberi:

«Gesù allora disse a quei Giudei che avevano creduto in lui: Se rimanete fedeli alla mia parola, sarete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». (Vangelo di Giovanni 8,31-32)

In base a questo si può affermare: lo Spirito Santo ci conduce alla verità di Gesù Cristo e ci incoraggia a diventare noi stessi, veri e onesti. La verità deriva da un dialogo onesto con Dio, con sé stessi e con gli altri.

Un tale dialogo non conosce «nessun divieto di pensare» anche per quanto riguarda la questione dell’ufficio nella Chiesa cattolica romana, come ha sottolineato l’allora presidente della Conferenza episcopale tedesca, l’arcivescovo Robert Zollitsch (Der Spiegel 18.2.2008). Oggi è di nuovo necessario esaminare da vicino la situazione dei ministri in diverse parti del mondo e ciò che questo comporta per le donne e le coppie sposate per i ministeri nella Chiesa cattolica.

Pari dignità per tutti

Dopo il Concilio Vaticano II c’erano molti fedeli e sempre più spesso anche cardinali e vescovi che hanno sostenuto l’ammissione al sacerdozio di uomini e donne sposate. Papa Giovanni Paolo II, tuttavia, aveva definitivamente voluto porre fine alla discussione sul sacerdozio delle donne e dichiarato in virtù del suo ministero che «la Chiesa non ha in alcun modo la facoltà di conferire alle donne l’ordinazione sacerdotale e che questa sentenza deve essere tenuta in modo definitivo da tutti i fedeli della Chiesa» (Ordinatio Sacerdotalis).3

Il dibattito su questo tema è continuato a lungo. Il cardinale di Vienna, Christoph Schönborn, scrive il 31 marzo 2018: L’ordinazione delle donne al diaconato, al sacerdozio o all’episcopato è una questione «che certamente può essere chiarita solo da un Concilio». Questa è anche una questione che non può essere risolta dal solo Papa. «Questa è una domanda troppo grande per essere chiarita sulla scrivania di un Papa». La chiesa è una comunità e le grandi decisioni dovrebbero essere prese insieme.4 Ciò avrebbe poi portato il Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, l’Arcivescovo Luis Ladaria, ad affermare che le parole di Giovanni Paolo II sono «una verità che appartiene alla buona fede della Chiesa».5

Il vescovo di Magdeburgo Gerhard Feige considera invece ancora aperta la questione dell’ordinazione sacerdotale delle donne: «Rifiutarla rigorosamente portando come argomento solo la tradizione non è più convincente», ha detto Feige il 12.2.2019. Tuttavia, Feige considera ancora improbabile in questo momento storico la possibilità di ordinare le donne al sacerdozio, poiché ciò non sarebbe sostenuto da numerosi cattolici e l’unità della chiesa ne sarebbe compromessa. «D’altra parte, questo arriverà», ha aggiunto. Con riferimento a papa Francesco, il vescovo ha dichiarato che la dottrina della Chiesa non può essere preservata senza permetterne lo sviluppo. Nel corso di due millenni molto é cambiato, non solo nelle piccole cose. «Lo Spirito di Dio non potrebbe anche oggi condurci a nuove intuizioni e decisioni?», si é chiesto il vescovo Feige.6

Già in precedenza il vescovo di Basilea, Felix Gmür, aveva sottolineato la sua apertura di fronte a questa domanda:

«Il sacerdozio femminile è un problema che riguarda tutta la Chiesa e che può crescere a dismisura. Ecco perché penso che dobbiamo stare attenti e considerare bene tutto. Per me personalmente, dal punto di vista biblico, non c’é niente che vada contro di esso, come già affermato dalla Commissione biblica negli anni Settanta. Questo vuol dire che se ne può discutere e vedere come si può procedere.»7

Inoltre, Mons. Gmür ha sottolineato nelle sue omelie per la Pasqua 2019 l’importanza delle donne secondo i Vangeli:8 «Sono le donne – e solo le donne – che garantiscono la continuità tra la vita, la sofferenza, la morte e la risurrezione di Gesù Cristo. Solo loro erano lì! Mentre gli altri, specialmente gli uomini, sono scappati.»9

Simone Buchs, Superiore del convento benedettino di Heiligkreuz, Cham (zVg)

Le Religiose alzano la voce

Negli ultimi tempi le Religiose si sono nuovamente e sempre più spesso espresse a favore della loro dignità e della loro posizione nella Chiesa – non da ultimo in relazione ai terribili abusi sessuali subiti anche dai sacerdoti.

Il 1° marzo 2019 la benedettina Simone Buchs, priora del monastero di Heiligkreuz a Cham e presidente dell’Associazione delle Superiori della Svizzera tedesca e del Liechtenstein, ha dichiarato: «Il fatto che il sacerdozio sia in linea di principio negato alle donne è “legittimo secondo il diritto canonico”. Ma le leggi possono essere cambiate, ed è giunto il momento di farlo. Ci dovrebbe essere una coesistenza di sacerdoti e sacerdotesse.»10. In questo modo la priora vuole esprimere ciò che le associazioni femminili cattoliche e numerosi teologi e teologhe chiedono da anni. Anche il Comitato centrale dei cattolici tedeschi si é espresso positivamente a riguardo.11

Irene Gassmann, la priora benedettina del monastero di Fahr, recita nella sua preghiera del giovedì:

«Le donne e gli uomini sono membri uguali e a pieno titolo della Chiesa attraverso un solo battesimo. Lavorando insieme in tutti i ministeri e uffici, possono contribuire ad una Chiesa che si rinnova nel futuro».12

Irene Gassmann riprende così una parola dell’apostolo Paolo che sottolinea l’uguale dignità di tutti i credenti e battezzati e che – se presa sul serio – potrebbe indicare la via sulla questione dei ministeri femminili:

26«Tutti voi infatti siete figli e figlie di Dio per la fede in Cristo Gesù, 27 poiché quanti siete stati battezzati in Cristo, vi siete rivestiti di Cristo. 28 Non c’è più giudeo né greco; non c’è più schiavo né libero; non c’è più uomo né donna, poiché tutti voi siete uno in Cristo Gesù».
(Lettera ai Galati 3,26-28)

  1. Cfr. André Flury: Lo spirito di Dio: Soffio vitale – forza per resistere – fonte d’energia, su: questioni-di-fede.ch.
  2. Cfr. Hans-Josef Klauck: Die religiöse Umwelt des Urchristentum II (Kohlhammer-Studienbücher Theologie 9), Stuttgart 1996, p. 50s; Jens Schröter / Jürgen K. Zangenberg (Hg.): Texte zur Umwelt des Neuen Testaments (UTB 3663), Tübingen 3. Aufl. 2013, p. 397-410
  3. https://w2.vatican.va/content/john-paul-ii/de/apost_letters/1994/documents/hf_jp-ii_apl_19940522_ordinatio-sacerdotalis.html (22.5.1994).
  4. https://www.vol.at/schoenborn-das-kann-der-papst-nicht-alleine-klaeren/5730393 (31.3.2018).
  5. https://www.vaticannews.va/de/vatikan/news/2018-05/ladaria-frauenordination-osservatore-romano-klarstellung.html (30.5.2018).
  6. https://www.vaticannews.va/de/kirche/news/2019-02/kirche-bischof-abtreibungen.html (12.2.2019); cfr. https://www.katholisch.de/aktuelles/aktuelle-artikel/bischof-feige-priesterweihe-fur-frauen-wird-kommen (12.2.2019).
  7. https://www.kath.ch/newsd/261589/ (20.2.2016).
  8. Sull’importanza delle donne nei Vangeli cfr. anche André Flury: Maria Magdalena su: questioni-di-fede.ch
  9. https://www.solothurnerzeitung.ch/solothurn/kanton-solothurn/er-setzt-auf-evolution-nicht-revolution-bischof-gmuer-kaempft-erneut-fuer-frauen-hinter-dem-altar-134358718 (17.4.2019).
  10. https://www.aargauerzeitung.ch/schweiz/oberste-schweizer-ordensschwester-hoechste-zeit-dass-frauen-priesterinnen-werden-134148602 (1.3.2019).
  11. Cfr. tra l’altro sulla situazione in Germania: https://www.vaticannews.va/de/kirche/news/2019-04/deutschland-zdk-frauen-diakoninnen-weiheaemter-priestertum.html; per la Svizzera: https://www.frauenbund.ch/was-wir-bewegen/kirche-und-spiritualitaet/frauenkirchenstreik/; per l’Austria: https://bleibenerhebenwandeln.wordpress.com (14.5.2019).
  12. https://www.gebet-am-donnerstag.ch (15.5.2019).

Profeti e profetesse nella Bibbia – Le voci di Dio

Chi è un profeta? Probabilmente oggi la maggior parte delle persone risponderebbe che è qualcuno che può prevedere un evento nel futuro. Tuttavia, questo modo di interpretare la figura di un profeta non ha nulla a che vedere con i profeti e le profetesse della Bibbia. Traduzione dal tedesco: Italo…

Per saperne di più

I racconti dei grandi antenati

Le storie di Abramo e Sara, Isacco e Rebecca, Giacobbe ed Esaù, così come quelle riguardo Giuseppe e suoi fratelli non sono dei racconti storici sugli antenati nomadi vissuti secoli fa. Piuttosto, sono una riflessione, sotto forma narrativa, sulla propria storia: la storia di Israele/Giuda. Traduzione dal tedesco: Italo L.…

Per saperne di più

Padre cielo, madre terra

«Perché le chiese cristiane hanno dimenticato la Madre Terra e si sono concentrate solo sul Padre in Cielo?» È la domanda che, qualche settimana fa, si è posto un lettore della rivista della Federazione svizzera delle donne cattoliche. La domanda è giusta perché coglie il problema del nostro sistema di…

Per saperne di più

Quattro Vangeli – quattro storie di Gesù

Nella Bibbia troviamo non solo un libro su Gesù, ma addirittura quattro. Questi sono in parte identici, e nello stesso tempo mostrano anche grandi differenze. Perché è così? Traduzione dal tedesco: Italo L. Cherubini Quando apriamo il Nuovo Testamento, troviamo quattro libri su Gesù: i quattro vangeli di Matteo, Marco,…

Per saperne di più

Commenti

Ancora nessun commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *