La guarigione del cieco Bartimeo

I Vangeli raccontano di molte guarigioni di malati da parte di Gesù. Oggi, però, troviamo spesso difficoltà con queste storie perché, per esempio, si conoscono persone che non sono state guarite dalla loro malattia nonostante tutte le possibilità mediche di oggi e anche nonostante tutta la fede e la preghiera.

Traduzione dal tedesco: Italo L. Cherubini

La guarigione del cieco Bartimeo è probabilmente il racconto di una guarigione più conosciuto nel Nuovo Testamento (cfr. Vangelo di Marco 10,46-52). Prima di passare alle domande attuali, vorrei esaminare la narrazione biblica.

Negli ultimi cento anni, la ricerca archeologica e orientale antica ha riscoperto che ci sono molte storie di guaritori in Egitto, Grecia e in tutto il Medio Oriente antico.1 Ci sono probabilmente persone in tutti i tempi e culture che hanno il dono della guarigione. La gente che incontrava Gesù percepiva in lui un potere divino di guarigione particolarmente forte.

Luogo di pellegrinaggio della sorgente curativa Luthern Bad, Lucerna.

«La tua fede ti ha aiutato»

Rispetto alle storie di altri guaritori dell’antichità, le storie di guarigione di Gesù hanno due caratteristiche speciali: In primo luogo, si nota che Gesù non usa «incantesimi» o elaborati rituali di guarigione, che spesso concentrano l’attenzione sul guaritore. Piuttosto, Gesù dice ripetutamente al guarito: «la tua fede ti ha aiutato», «la tua fede ti ha salvato». Fede significa soprattutto profonda fiducia.

Con le conoscenze mediche di oggi, sappiamo anche quante malattie sono causate dalla psicosomatica: le sofferenze psicologiche, mentali, lo stress negativo, le esperienze traumatiche, per esempio, in fuga o in guerra, possono portare a molte malattie.

Non sto dicendo che non ci sono altre guarigioni che non possono (ancora) essere spiegate da un punto di vista medico. Io stesso l’ho sperimentato come cappellano d’ospedale con un uomo in coma: i medici non potevano fare altro e consideravano la sua morte certa entro poche ore. Tuttavia, quest’uomo mi sembrava ancora molto vicino e vivo. Così gli ho detto: «Se vuoi ancora restare qui con la tua famiglia, allora resta qui, tutti saranno felici». Le macchine di supporto vitale sono state spente e lui è stato portato in una stanza per morire. Dopo tre ore, i parenti mi hanno chiamato: «È vivo! Ci parla e ride anche». L’hanno chiamato il «piccolo miracolo di Berna».

Marco Basaiti (1470 circa – 1530), particolare da: Cristo morto tra due angioletti

Un povero viene incoraggiato

Le persone povere spesso soffrono anche di malattie a causa della loro povertà: attraverso un’alimentazione inadeguata, lo stress e l’esclusione, ecc. Non è quindi sorprendente che il cieco Bartimeo sia un mendicante. Chi vuole dei mendicanti? Chi si rivolge davvero a loro? La gente vuole prima far tacere il cieco Bartimeo quando lui grida verso Gesù per avere pietà.

Gesù è però molto diverso: percepisce il bisogno, capisce il singolo essere umano e chiama Bartimeo a sé. Solo allora la gente incoraggia Bartimeo: «Abbi coraggio, alzati, ti sta chiamando». Il coraggio è anche una caratteristica della fede, della fiducia. Incoraggiato in questo modo, il mendicante cieco è in grado di saltare in piedi e correre verso Gesù. Che dinamica si è messa qui in moto!

«Che cosa vuoi?»

Ora è anche interessante notare che Gesù non guarisce semplicemente il cieco Bartimeo in un batter d’occhio. Gesù non agisce frettolosamente, agisce senza mai eccedere. Piuttosto, Gesù rispetta pienamente la dignità e la volontà della persona. Chiede a Bartimeo: «Cosa vuoi che ti faccia?».

«Rabbuni, voglio poter vedere», risponde Bartimeo. Gesù allora gli dice, senza fare altro, «vai, la tua fede ti ha salvato». Ci viene raccontato ancora: «subito vide di nuovo e seguì Gesù nel suo cammino». Questa è la seconda peculiarità dei racconti di guarigione di Gesù.

Libero di seguire Gesù

Gesù dice a Bartimeo: «Vai…». Gesù non vuole legarlo a sé, come hanno fatto e fanno alcuni ciarlatani. Gesù vuole la libertà per ogni essere umano, lui stesso lavora in nome del Dio della liberazione (libro dell’Esodo). Eppure, o forse proprio per questo, Bartimeo, come molte altre persone guarite, segue Gesù. Ovviamente lo fa di sua spontanea volontà. Una persona povera, che doveva stare seduta a mendicare, si alza e va per la strada che vuole percorrere. Questa è sempre una parte cruciale della fede: la libertà, la propria volontà.

Le domande e le obiezioni attuali

Come ho detto nell’introduzione, conosco persone che hanno difficoltà con i racconti biblici di guarigione. Questo soprattutto perché ci sono molte persone la cui malattia non è guarita, nonostante le possibilità mediche e psichiatriche di oggi e anche nonostante tutta la fede e la preghiera.

Come cappellano d’ospedale ho sperimentato questo ogni giorno. Una volta una donna mi chiese al capezzale del marito gravemente malato: «Perché Dio gli ha mandato questa malattia, è una persona così buona». E ho cercato di rispondere in una lunga conversazione: secondo la mia convinzione, Dio non manda mai malattie o altre sofferenze. Tutta la fede cristiana si basa sulla convinzione che Dio è amore (1 Lettera di Giovanni 4,16) e che Dio vuole la vita, il benessere di tutte le persone e di tutta la creazione.

Dio non permette il male

Anche e soprattutto quando crediamo nel Dio dell’amore, altre persone mi hanno chiesto: «Ma perché Dio permette tutto questo male?». Personalmente, sono arrivato a credere nella mia fede che Dio non permette alcun male. Le moderne conoscenze scientifiche sono contrarie a questa idea: nell’antico Medio Oriente e nel mondo antico, le persone veneravano diverse divinità per quasi tutte le aree della natura e degli eventi naturali. In ogni tuono e fulmine, nella pioggia e nella siccità, nei terremoti e nel raccolto fertile, si poteva vedere più o meno direttamente l’opera di una divinità. Anche il sole, la luna e le stelle stesse erano venerate come divinità. Lo sviluppo della fede biblica in un solo Dio era abbastanza progressivo, «illuminato» a quei tempi. È vero che anche nell’antichità c’erano voci che mettevano in dubbio le divinità ecc. ma erano solo voci isolate.

Cambiamento dell’idea del mondo e di Dio

Con le scoperte scientifiche degli ultimi secoli, tuttavia, la nostra idea del mondo è cambiata radicalmente. Oggi sappiamo molto sul «nostro» sistema solare e anche che l’altro sistema solare più vicino, la galassia di Andromeda, si trova a circa 2,5 milioni di anni luce da noi. Sappiamo anche che l’uomo si è sviluppato evolutivamente durante centinaia di migliaia di anni.2

Sulla base di questa conoscenza, sono convinto che oggi non possiamo più supporre che Dio abbia un’influenza diretta dall’esterno dell’universo su un incidente, una malattia, un disastro naturale, ecc. La fede oggi è diventata più esigente. Oggi non c’è bisogno di meno fede, ma di più. Ci troviamo di fronte alla sfida di pensare molto più in grande a Dio, «il mistero della vita», «origine e scopo di ogni vita», e allo stesso tempo pensare a un Dio molto vicino, «Dio in tutte le cose», «lo spirito di Dio in ogni vita». L’idea che Dio permetta che qualcosa accada qui sulla terra in modo diretto, un incidente, una malattia, ecc., non può più essere credibile a causa delle conoscenze scientifiche.

La domanda è sempre la stessa: dov’è Dio?

Da un lato, siamo chiamati a pensare più in grande e allo stesso tempo più vicino a Dio, a credere Dio più grande e più vicino. E dall’altro lato, siamo sfidati a considerare come possiamo chiedere di Dio oggi di fronte alla sofferenza e al male. Una domanda che, tra l’altro, era già posta molto spesso nei tempi biblici e che sono convinto porti oltre è: dov’è Dio in tutta questa sofferenza?3 Come interpreto gli scritti biblici nel loro insieme, Dio è da un lato in mezzo alla vita, nella vita riuscita, gioiosa, felice. Dall’altro lato, Dio è proprio con la persona la cui vita si sta spezzando, con la persona che sta soffrendo. Dio è in mezzo alla vita e solidale con le persone nella loro sofferenza.4

Questa è anche l’esperienza che Gesù stesso ha fatto: ha sperimentato la pienezza di Dio in se stesso e ha sperimentato l’abbandono (apparente) di Dio sulla croce. Il suo ultimo grido secondo il Vangelo di Marco fu: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?». (Vangelo di Marco 15,34; cfr. Salmo 22,2). I discepoli e le discepole che hanno vissuto questo devono essere stati profondamente scioccati. Lui, Gesù, in cui avevano riposto tutte le loro speranze, muore di una morte ignominiosa sulla croce, abbandonato da Dio.

Ma a poco a poco, e questo è un miracolo della fede cristiana, nasce la fede delle discepole e dei discepoli che Dio non aveva affatto abbandonato Gesù: proprio nel grido dell’abbandono di Dio sulla croce, Dio è profondamente con Gesù. Dio non ha abbandonato Gesù sulla croce, non stava in qualche modo guardando dall’esterno, ma era completamente con lui. Intesa in questo modo, la croce è il simbolo della fedeltà di Dio a suo figlio Gesù e a tutte le persone che soffrono.

Infine, i discepoli e le discepole si sono convinti che Dio non ha lasciato Gesù nella morte, ma lo ha risuscitato il terzo giorno a una nuova vita eterna con Dio stesso.

Questa è una speranza profondamente cristiana: Dio è completamente solidale con le persone nel bisogno e nella sofferenza e il potere creativo e l’amore di Dio sono più forti di tutte le malattie, di tutte le sofferenze, anzi più forti della morte.

  1. Cfr. tra gli altri e con ulteriori link Barbara Böck: Krankheit und Heilung (Alter Orient), in: https://www.bibelwissenschaft.de/stichwort/24060/; Tanja Pommerening: Krankheit und Heilung (Ägypten), in: https://www.bibelwissenschaft.de/stichwort/24048/; Hanna Roose: Krankheit und Heilung (NT), in: https://www.bibelwissenschaft.de/stichwort/46881/ (tutti i link del 26.09.2021).
  2. Questo è vero anche se molte cose in cosmologia sono e rimarranno sempre ipotetiche. Per avere una visione d’insieme generalmente comprensibile, cfr. per esempio Hans-Joachim Blome / Harald Zaun: Der Urknall. Anfang und Zukunft des Universums (C.H. Beck Wissen 2337), München 3. Aufl. 2015; und Winfried Henke / Hartmut Rothe: Menschwerdung (Fischer Kompakt 15554), Frankfurt a. M. 2003.
  3. Cfr. André Flury: Wo ist Gott, https://glaubenssache-online.ch/2019/12/25/wo-ist-gott/ (25.12.2019)
  4. Cfr. André Flury: Gott im Leid, https://glaubenssache-online.ch/2020/03/19/gott-im-leid/ (19.03.2020)

     

    Crediti d’immagine: Copertina: Atelier van Lieshout, Renegade, Ca’ d’Oro Venedig 2019, Mixed Media / Immagine 1: Luogo di pellegrinaggio della sorgente curativa Luthern Bad, Lucerna. Foto: Martin Dominik Zemp / Immagine 2: Marco Basaiti, Öl auf Holz um 1470, Cristo morto tra due angioletti. Gallerie dell’Accademia, Venedig. / Immagini 3 und 4: Mário Macilau (Mozambico): Growing on Darkness (2012–2015), Biennale d’Arte di Venezia, Padiglione Santa Sede (Vaticano) 2015. “In principio … Il Verbo si fece carne”. / Immagine 5: pontchen, photocase.de

Chi é Dio? E quante persone sono?

Padre, Figlio e Spirito Santo, oppure, in senso figurato, un vecchio, un giovane e una colomba: questo è il modo in cui Dio è spesso raffigurato nella tradizione cristiana. Dio è considerato «trino» e questo per dire: Dio non è una sola persona, ma tre persone insieme sono Dio. Traduzione…

Per saperne di più

Per favore!

La preghiera è l’espressione davanti a Dio di ciò che c’è nel cuore di una persona e può essere espressa a parole o meditata in silenzio. Può però anche trovare espressione nei movimenti, nella musica o nei toni di colore. Traduzione dal tedesco: Italo L. Cherubini Una preghiera non deve…

Per saperne di più

Padre cielo, madre terra

«Perché le chiese cristiane hanno dimenticato la Madre Terra e si sono concentrate solo sul Padre in Cielo?» È la domanda che, qualche settimana fa, si è posto un lettore della rivista della Federazione svizzera delle donne cattoliche. La domanda è giusta perché coglie il problema del nostro sistema di…

Per saperne di più

Tracce di vita

Il fatto che Gesù di Nazareth sia stato giustiziato sulla croce dagli occupanti romani è uno dei fatti storicamente meglio attestati della vita di Gesù. I suoi primi seguaci non hanno nascosto, trascurato o soppresso il racconto di questa terribile morte. Piuttosto, hanno cercato di darle un senso e di…

Per saperne di più

Commenti

Ancora nessun commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *