Giovanni Battista: un testimone critico

Il 24 giugno la Chiesa cattolica celebra la festa della nascita di Giovanni Battista. Il Battista svolge un ruolo importante nei Vangeli come predicatore della conversione e precursore di Gesù. Ha lasciato il suo segno anche al di fuori della Bibbia. Chi era questo predicatore? Che cosa può significare ancora oggi?

Traduzione dal tedesco: Italo L. Cherubini

Giovanni Battista è una delle tante voci nei tempi turbolenti del primo terzo del I secolo d.C. La Palestina era occupata dai Romani. La Giudea era sotto la diretta amministrazione romana. La Galilea era governata dal figlio di Erode Antipa, le altre parti del paese dal figlio di Erode, Filippo, entrambi dipendenti dalla grazia di Roma. È vero che Erode Antipa diede una certa spinta economica alla Galilea con grandi progetti edilizi, ma la vita della popolazione era molto dura, soprattutto nelle campagne. Bisognava pagare tasse e altri tributi, molti si indebitavano, mentre la ricchezza cresceva per pochi. La resistenza all’occupazione romana e ai suoi fiancheggiatori divampò più volte, soprattutto dopo la morte di Erode il Grande (4 a.C.), in occasione dell’imposizione delle tasse quando la Giudea fu posta sotto la diretta amministrazione romana (6 d.C.), o nella grande rivolta giudaica del 66 d.C. Tuttavia, non sono note rivolte nel periodo intorno all’anno 30, quando apparve Gesù di Nazareth. È in questo periodo che Giovanni Battista fa sentire la sua voce.

Monete di Erode Antipa con fronde di palma, 30 d.C.

Una nascita di buon auspicio

Solo il Vangelo di Luca racconta la nascita di Giovanni Battista. Luca racconta la storia della nascita di Giovanni parallelamente alla storia della nascita di Gesù, dandole così un peso molto speciale (Vangelo di Luca 1-2). Secondo Luca, i genitori Zaccaria ed Elisabetta provengono entrambi da famiglie sacerdotali. Entrambi sono presentati come giusti e irreprensibili. Sono rimasti però senza figli. È una situazione che conosciamo già dall’Antico Testamento: da Abramo e Sara, dai genitori di Sansone o anche da Anna, la madre di Samuele. Luca racconta la nascita del Battista secondo questo schema narrativo ben noto e mostra così l’elezione e la chiamata del Battista alla sua grande missione da parte di Dio stesso.1 Luca racconta la nascita del Battista secondo questo schema narrativo ben noto e mostra così l’elezione e la chiamata del Battista alla sua grande missione da parte di Dio stesso.

Anche il nome, secondo Luca, è già un programma: il nome Giovanni risale all’ebraico Jochanan e significa «YHWH ha avuto misericordia». Sul piano narrativo del Vangelo di Luca, questo si riferisce inizialmente al desiderio di un figlio da parte di una coppia di anziani, desiderio che viene esaudito. Alla luce della storia di Dio con il suo popolo, si riferisce anche alla fedeltà di Dio verso il suo popolo e verso tutti gli uomini, che si concretizza poi nella nascita di Gesù. Di conseguenza, il padre Zaccaria canta nel suo «Benedictus» con spirito profetico ciò che avviene nella nascita di questo bambino speciale:

«Benedetto il Signore, Dio d’Israele,
perché ha visitato e redento il suo popolo,
e ha suscitato per noi un Salvatore potente
nella casa di Davide, suo servo,
come aveva detto
per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo (…)»
(Vangelo di Luca 1,68–70)

Il Salvatore potente della casa di Davide indica il Messia Gesù; anche Giovanni però è una parte importante di questo evento che cambia il mondo.

Maestro di vita o profeta del giudizio?

Mentre la nascita del Battista è raccontata solo nel Vangelo di Luca, il suo ministero e il suo messaggio sono menzionati anche negli altri Vangeli e dallo storico ebreo Flavio Giuseppe. Il fatto che il suo ministero sia ampiamente attestato nei Vangeli e, indipendentemente, menzionato in Flavio Giuseppe dimostra che il Battista è effettivamente una figura storicamente verificabile.

Antichità giudaiche di Giuseppe, traduzione latina, 11° sec.

Tuttavia, i resoconti differiscono in qualche modo. Secondo Flavio Giuseppe, Giovanni è un maestro di virtù che battezzava, ma non per il perdono dei peccati, bensì per la purificazione del corpo. Giovanni aveva ispirato così tante persone con le sue parole che il suo sovrano Erode Antipa temeva che ciò potesse portare a una rivolta. Perciò, per precauzione, lo fece arrestare nella fortezza desertica di Machaerus, a est del Mar Morto, e infine uccidere.2

Anche per i Vangeli l’attività battesimale di Giovanni è caratteristica. Tuttavia, secondo il loro resoconto, non è collegata a un insegnamento di virtù, ma a una dura predica di giudizio:

«Vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: “Razza di vipere! Chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all’ira imminente? Fate dunque un frutto degno della conversione, e non crediate di poter dire dentro di voi: “Abbiamo Abramo per padre!”. Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare figli ad Abramo. Già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco.» (Vangelo di Matteo 3,7-10)

Secondo Giovanni, il mondo è sull’orlo dell’abisso. La colpa di ciò è da attribuire alle azioni malvagie degli esseri umani. Pertanto, il giudizio severo di Dio è imminente. L’unica possibilità di sfuggire al giudizio è il pentimento immediato e il cambiamento di vita. Il segno di questo è il battesimo. Così, secondo il Vangelo di Matteo, la gente viene da Giovanni, confessa i propri peccati e viene battezzata. A differenza di Flavio Giuseppe, nei Vangeli il battesimo di Giovanni non è solo un rito di purificazione, ma «un battesimo di pentimento per il perdono dei peccati» (Vangelo di Marco 1,4).

Tuttavia, non si tratta solo di un rito. Secondo il Vangelo di Luca, il battesimo deve essere seguito da azioni concrete:

«Le folle lo interrogavano: “Che cosa dobbiamo fare?”. Rispondeva loro: “Chi ha due tuniche ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare faccia altrettanto”. Vennero anche dei pubblicani a farsi battezzare e gli chiesero: “Maestro, che cosa dobbiamo fare?”. Ed egli disse loro: “Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato”. Lo interrogavano anche alcuni soldati: “E noi, che cosa dobbiamo fare?”. Rispose loro: “Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle vostre paghe”.» (Vangelo di Luca 3,10-14)

Ognuno deve quindi agire in modo giusto e corretto nell’ambito in cui vive e lavora. I soldati, gli affittuari di case, ma anche tutte le altre persone possono vivere la loro vita quotidiana in modo da corrispondere agli insegnamenti di Dio e non far sì che gli indifesi e gli oppressi vengano sfruttati, subiscano violenza o siano sottomessi in altri modi. Secondo Luca, il Battista, come più tardi Gesù, aveva già in mente i poveri e i deboli. Questo modello di azione socialmente giusta è tipico del Vangelo di Luca, che enfatizza questa dimensione del messaggio di Gesù ancor più degli altri evangelisti.

Un maestro anche per Gesù

Gli evangelisti e Flavio Giuseppe concordano su un punto: Giovanni si rivolge alle folle con il suo messaggio. Tuttavia, solo i Vangeli mostrano anche Gesù tra coloro che trovano convincente il messaggio del Battista. Secondo la testimonianza di tutti e quattro i Vangeli, Gesù fu battezzato da Giovanni. Questo può essere considerato storicamente credibile. C’è persino la prova inoltre che Gesù rimase per un po’ di tempo nel discepolato del Battista prima di trovare il proprio messaggio del buon mondo nuovo di Dio che stava per venire.

Il sermone di San Giovanni Battista, Peter Brueghel il Vecchio, 1566

Per Gesù, dunque, il giudizio di Dio non è più al centro, come lo era per Giovanni. Piuttosto, egli è convinto che il grande cambiamento di governo nei cieli sia già avvenuto e che il buon mondo nuovo di Dio si stia diffondendo ovunque. Gesù rende tangibile questa svolta misericordiosa di Dio con le sue parole e le sue azioni.

I Vangeli presentano Giovanni Battista come precursore e foriero di Gesù. Storicamente, però, Giovanni probabilmente si considerava più come un messaggero di Dio stesso, proprio come il profeta Malachia nell’Antico Testamento fa preannunciare al profeta Elia il giorno del giudizio di Dio:

«Ecco, io invierò il profeta Elia prima che giunga il giorno grande e terribile del Signore: egli convertirà il cuore dei padri verso i figli e il cuore dei figli verso i padri, perché io, venendo, non colpisca la terra con lo sterminio.» (Malachia 3,24)

Vermutlich verstand sich der Täufer als ein solcher Vorbote des Gerichtes Gottes. Die Evangelien zeichnen ihn mit seinem Kamelhaarmantel und dem ledernen Gürtel tatsächlich nach dem Modell des Elija.3 Solo nel Vangelo di Giovanni, il Battista rifiuta il paragone con Elia. Per il resto, secondo i Vangeli, l’aspetto del Battista è quello di un asceta che si nutre del magro cibo del deserto. È molto probabile che abbia battezzato nella parte bassa del Giordano, sul lato orientale del fiume e quindi nel territorio di Erode Antipa.

Una morte violenta

Giovanni entrò infine in conflitto con Erode Antipa, un conflitto che si concluse fatalmente per lui. Lo attestano gli evangelisti Marco e Matteo, oltre a Flavio Giuseppe. Secondo Flavio Giuseppe, Antipa temeva il grande seguito del Battista, ma secondo i Vangeli il motivo del conflitto fu la critica del Battista al matrimonio (illegittimo) di Antipa con Erodiade, moglie del fratellastro.

Marco e Matteo drammatizzano la fine violenta del Battista: durante una festa per il compleanno di Antipa, la figlia di Erodiade aveva conquistato il favore di Antipa danzando, tanto che egli volle concederle un desiderio come ricompensa. Su istigazione della madre, la figlia pretese la testa del Battista, cosicché Erode Antipa, vincolato dalla parola data, fu costretto a far decapitare Giovanni.

Flavio Giuseppe non riporta nulla di questi eventi drammatici. Nomina invece la fortezza di Machaerus, sul lato orientale del Mar Morto, come luogo dell’esecuzione. Flavio Giuseppe ci dice anche il nome della figlia: Salomè. Come tale, è conosciuta oggi, soprattutto attraverso la storia dell’arte, in cui la sua danza, per lo più in combinazione con la testa mozzata del Battista, si è sviluppata come un motivo popolare.

Alcuni testi del Nuovo Testamento indicano che esistevano ancora gruppi di seguaci di Giovanni dopo la morte del Battista. Ma le loro tracce si perdono presto nel buio della storia.

Fortezza Macheronte

Un predicatore scomodo

Molto della figura del Battista e del suo messaggio sarà strano per noi oggi. Difficilmente riusciremo a parlare dell’ira imminente di Dio come faceva lui. D’altra parte, la sua critica dei tempi è ancora una volta di immensa attualità. Anche noi dobbiamo renderci conto che il nostro mondo è di nuovo sull’orlo dell’abisso a causa di catastrofi provocate dall’uomo come il cambiamento climatico, le guerre o le ingiustizie sociali globali. Anche oggi molti dicono: Siamo «cinque minuti prima della mezzanotte», probabilmente anche più tardi. È necessaria una conversione radicale sotto vari aspetti, subito e in tutto il mondo. Abbiamo quindi bisogno di predicatori come Giovanni Battista, che chiamano le cose con il loro nome e chiedono il pentimento.

Tali predicatori, tuttavia, sono scomodi e fastidiosi. Le ostilità e persino la violenza fisica non sono eccezionali. In molti Paesi, gli oppositori che dicono verità scomode devono temere per la propria vita. Proprio come Giovanni Battista.

  1. Abramo e Sara con la nascita di Isacco: Genesi 17,15-22; 18,1-15; 21,1-8. Nascita di sansone: Giudici 13,1-25. Anna e la nascita di Samuele: Primo libro di Samuele 1–2.
  2. Giuseppe Flavio: Antichità giudaiche 18,116–119.
  3. Cfr. 2 Libro dei Re 1,8: Qui Elia è riconoscibile per il fatto che indossa un mantello di peli di capra e una cintura di cuoio intorno ai fianchi.

     

    Crediti d’immagine: Immagine di copertina: San Giovanni Battista, Leonardo da Vinci, 1513/1516, olio su tavola, Louvre, Parigi. Wikimedia / Immagine 1: Monete di Erode Antipa con fronde di palma, 30° secolo d.C., rinvenute in Giudea / Immagine 2: Le Antichità Giudaiche di Giuseppe (Antiquitates Iudaicae), traduzione latina, 11° secolo d.C, conservata presso la Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze / Immagine 3: La predicazione di San Giovanni Battista, Peter Brueghel il Vecchio, 1566 d.C., olio su pannello di quercia, Szépművészeti Múzeum Budapest / Immagine 4: Rovine della fortezza di Machaerus sul Mar Morto, oggi in Giordania / Immagine 3: La predicazione di San Giovanni Battista, Peter Brueghel il Vecchio, 1566 d.C., olio su pannello di quercia, Szépművészeti Múzeum Budapest / Immagine 4: Rovine della fortezza di Machaerus sul Mar Morto, oggi in Giordania. Foto: TA

Dove abita Dio?

«Sono stato nello spazio, ma non ho incontrato Dio»: così si dice che si sia espresso Yuri Gagarin, cosmonauta sovietico e primo uomo nello spazio, dopo la sua circumnavigazione del mondo nel 1961. Il fatto che Gagarin, nella sua orbita intorno alla Terra, non abbia visto un dio barbuto su…

Per saperne di più

«Lascia che l’anima si dondoli»

Estate – sentire il vento tra i capelli, camminare a piedi nudi, assaggiare i lamponi e lasciarsi andare alla deriva nell’acqua del fiume. L’estate vi invita a fare un respiro profondo e a lasciar dondolare la vostra anima. Spero che abbiate avuto l’opportunità di farlo! Spero che abbiate trovato la…

Per saperne di più

«…che le cose possano cambiare» – Laudato Si’ (II)

Lo stretto legame tra le cose nel mondo, così come la vulnerabilità della vita, sono dolorosamente dimostrate a tutti in questi mesi dalla pandemia. Legame e vulnerabilità sono due parole chiave che hanno segnato anche l’Enciclica papale sull’ambiente, in cui Francesco nel 2015 chiedeva una responsabilità globale e un confronto…

Per saperne di più

«Lasciate che i bambini vengano a me»

«Allora gli furono portati dei bambini perché imponesse loro le mani e pregasse; ma i discepoli li rimproverarono. Gesù però disse: “Lasciateli, non impedite che i bambini vengano a me; a chi è come loro, infatti, appartiene il regno dei cieli”. E, dopo avere imposto loro le mani, andò via…

Per saperne di più

Commenti

Ancora nessun commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *